Interessante

Etichette alimentari: leggere attentamente!

Di solito leggi le etichette degli alimenti? Sappi cosa dovresti osservare prima di acquistare o consumare un prodotto industrializzato.

Leggere le etichette degli alimenti non è una pratica comune per i brasiliani, ma grazie al più facile accesso alle informazioni reso possibile dai media come Internet, oggi le persone hanno iniziato a essere più consapevoli di ciò che consumano . Ma è solo l’inizio: abbiamo ancora molto da imparare per mangiare meglio!

Oggi ti lasceremo alcuni suggerimenti su ciò che devi sapere quando guardi l’etichetta del cibo, in modo che tu possa scegliere meglio cosa portare a casa.

1- Quantità o porzione

Controlla quale quantità di prodotto viene valutata. Le informazioni non provengono sempre dall’intero pacchetto, ma solo da una parte di esso! Questo è molto importante, perché in una confezione di gelato light da 180 g, le informazioni possono riferirsi a una sola pallina da 60 g e questo fa TUTTA la differenza!

2- Misurino fatto in casa: come conoscere la quantità?

Se non hai una bilancia da casa, prova almeno ad avere un cucchiaino standard, un cucchiaio, un misurino per tazza o un bicchiere. Sono contatori di plastica, vetro o metallo, che si trovano nei supermercati o nelle riviste. È obbligatorio che la confezione includa alcune misure fatte in casa come unità, porzione, fetta, cucchiaio, ecc. – ma sapere qual è il motivo può essere un problema! Avere un oggetto come questo a casa aiuta molto, ma se vuoi la sicurezza totale investi in una bilancia artigianale.

3- Elenco degli ingredienti

L’elenco degli ingredienti inserisce tutto nella composizione o ricetta del prodotto. IMPORTANTE: gli ingredienti sono in ordine decrescente, cioè quelli con la quantità maggiore vengono per primi, fino a quando l’ultimo ingrediente è quello che ha la quantità minore.

4- Vuoi sapere se il pane è intero?

Se il primo ingrediente della lista è la farina integrale, allora il pane è davvero integrale. Se il primo ingrediente della lista è la farina arricchita con ferro e acido folico, e la farina integrale viene dopo… purtroppo integrale questo pane ha solo un nome! Questo vale anche per i cookie.

Perché il prodotto sia considerato integrale, la maggior parte della composizione deve essere integrale.

5- Presta attenzione alla quantità di sodio!

Molti alimenti considerati rilasciati in alcune “diete”, come ad esempio zero soda, hanno poche calorie ma molto sodio. Infatti, in varie diete e cibi leggeri la quantità di sodio, additivi chimici e grassi idrogenati viene aumentata per compensare la riduzione di zuccheri e grassi. Spesso è più salutare consumare la versione completa rispetto alla dieta leggera o dietetica (se non sei diabetico), parla con il tuo nutrizionista delle opzioni!

Il valore massimo di sodio consigliato al giorno è 2400 mg. Idealmente, un prodotto non dovrebbe superare i 400 mg per 100 g.

6- Alimenti ricchi di fibre

Se la quantità di fibra è di almeno 2,5 g per porzione, il cibo è già una buona fonte di fibre. Per essere considerato davvero ricco di fibre, deve essere di almeno 5 g per porzione. Gli alimenti ricchi di fibre sono essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo in quanto controllano i livelli di zucchero nel sangue e di colesterolo, regolano l’intestino e aumentano l’effetto sazietà. L’ideale è consumare 25 g di fibre al giorno.

Informazioni sugli alimenti: le etichette dei prodotti confezionati

7- Valore energetico

Le famose calorie (Kcal) sono solitamente il primo obiettivo dell’attenzione per chi è in procinto di dimagrire. Quando si valuta un alimento, non si tiene conto solo della quantità di calorie, perché come abbiamo visto nelle voci precedenti, è necessario valutare altri componenti per sapere se il prodotto è la migliore opzione da consumare. Le bevande analcoliche zero e la gelatina dietetica sono un buon esempio di cibi ipocalorici ricchi di altri ingredienti che non fanno bene alla salute.

Hai visto quanto è importante leggere e valutare le etichette? Rimanete sintonizzati! Fa parte della rieducazione alimentare imparare a fare buone scelte e per questo è molto importante che tu sappia cosa stai realmente consumando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *